pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Fri 04 December, 15:53:04
logo


bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Una storia nera

(racconto narrativa, breve - per tutti)
Tempo di lettura: circa 10 minuti
2.832 visite dal 05/07/2010, l'ultima: 3 settimane fa.
7 recensioni o commenti ricevuti

Autore di quest'opera:
avatar di Alessandro Napolitano
Alessandro Napolitano
$ sostenitore 2015 (4 dal 2011)



Titoli simili:

Descrizione: Il racconto "Una storia nera" è arrivato sesto al concorso "La biblioteca d'oro" ed è stato incluso nella omonima antologia.

Incipit: Il dito girava nel bicchiere in senso antiorario, inghiottito da un mulinello rosso. Michele lasciò posare il vino, portò l'indice alla bocca e lo succhiò. Un crocefisso di legno, lungo quanto una mano, pendeva dalla parete. L'uomo accarezzò il volto del Cristo seguendo le rughe d'ebano, lo staccò dal muro e lo ripose nel cassetto della credenza. Bevve il Brunello in un sorso.


Una storia nera
voce
file: una-storia-nera.doc
size: 37,00 KB
Tempo di lettura: circa 10 minuti
(se Leggi e ascolta non funziona bene,
clicca e scarica il documento originale (nwinfo))



Elenco Tag dell'opera:
#bambino(84)    #chiesa(17)    #colpevole(5)    #mare(152)    #morte(177)    #pipistrelli(2)    #polizia(14)    #prete(3)    #spiaggia(19)    #vita(197)    #caverna(4)



Recensioni: 7 di visitatori, 10 totali.

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.

Testo della recensione o del commento (min 30, max 5.000 battute)

Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: stai per confermare la recensione o il commento al lavoro dell'autore Alessandro Napolitano. Prima di proseguire, però, se hai necessità di discutere più a fondo di questa opera con l'autore, puoi iniziare una discussione più ampia e dettagliata usando la nwsezione apposita del nostro forum. Tale discussione, se non è già stata aperta, dovrà essere creata con il titolo:

"Una storia nera - Alessandro Napolitano".

Le recensioni offensive, volgari o di chiacchiere saranno eliminate dallo Staff.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative.

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci/commenta nwun'opera a caso.

recensore:

Pia
Recensione o commento # 1, data 06/07/2010
una storia intensa e dallo stile fluido e pulito. Ha catturato la mia attenzione dalla prima all'ultima parola con i personaggi sapientemente delineati, dall'ambiguo Michele, intorno al quale ruota questa storia di temi purtroppo attuali, alle poche parole che che sanciscono l'epilogo. Un epilogo che sfortunatamente non accade nella vita reale e che invece a me piacerebbe tanto.
Premio meritatissimo



recensore:

Dino
Recensione o commento # 2, data 17/07/2010
Una trama ben congegnata, che forse ha partecipato ad un concorso, se ho interpretato bene il commento di Pia. Questo spiegherebbe qualche abbreviazione del racconto che, ampliato soprattutto nella seconda parte, ne farebbe davvero un piccolo capolavoro. Se vogliamo dare un significato assiologico al tema trattato, ne ricaviamo un sentimento di giustizia che parte dalla stessa coscienza del "peccatore". E forse è l'unico possibile in un contesto che vede la giustizia terrena dovere arretrare davanti a norme e rapporti tra Stati sovrani. Ma non voglio addentrarmi in concetti complessi da doversi magari trattare in lunghe discussioni forensi. Complimenti ad Alessandro.



recensore:
avatar di Alessandro Napolitano
Alessandro Napolitano
$ sostenitore 2015 (4 dal 2011)

risposta dell'autore, data 18/07/2010
Ringrazio per le letture e per i commenti.
Un grazie speciale a Pia che mi ha aiutato a correggere il racconto aiutandomi a fare una buona figura.

Per Dino: Hai centrato il discorso. La giustizia è sempre più un bene raro, effimero. E per aiutarlo a emergere ho tentato di farlo ripartire dal "basso", dalla nostra coscienza. Sarebbe molto bello poter affrontare questo discorso insieme a te.



recensore:
avatar di Angela Di Salvo
nwAngela Di Salvo
$ sostenitore 2015 (3 dal 2011)

Recensione o commento # 3, data 20/09/2010
Bel racconto costruito su un efficace e asciutto impianto dialogico. Eccellente la descrizione del personaggio e dei suoi ambigui comportamenti. Il periodo è spezzato e paratattico ma lo stacco valorizza il susseguirsi delle azioni fin nel sorprendente epilogo.



recensore:
avatar di Nina Moon
nwNina Moon
$ sostenitore 2011

Recensione o commento # 4, data 17/03/2011
La luce di una torcia, che rompe le tenebre – il male – della grotta. Questo racconto mi ha ricordato un po' "Il giuramento" di Grangè, per la grotta, le stalattiti, e in genere per l'ambientazione cupa, oscura. Qui, più ottimisticamente, la luce di un uomo – per quanto a suo modo debole, tutt'altro che perfetto – perfora il nero. Continuo la recensione dopo lo SPOILER ALERT.

SPOILER
SPOILER
SPOILER

Rischiando in prima persona – perchè dopotutto, non poteva fare altro – il protagonista, che forse era sfuggito alle proprie responsabilità , pensando di risolvere con la fuga la battaglia con il "male", affronta finalmente il suo destino, fa finalmente la sua scelta. Facile sarebbe stato cedere alle lusinghe del male – del doppio, che è dentro ognuno di noi – facile perdersi nelle grotte scure, e perdere sè stessi. Non sarà  questa la scelta di Michele, che forse, infine, nel bicchiere "...d'acqua" riuscirà  a risolvere anche i suoi personali demoni, e a trovare quella pace che sente mancare alla sua anima.



recensore:
avatar di Cordelia
nwDaniela Piccoli
$ sostenitore 2012 (2 dal 2011)

Recensione o commento # 5, data 26/09/2011
Il racconto si lascia leggere con facilità  e la trama è scorrevole. Bell'esempio finalmente di giustizia ottenuto attraverso un "peccatore". Mi ha sorpreso però l'epilogo. Visto che in fondo il pedofilo se la sarebbe cavata perchè si è ucciso? Non mi sembrava che avesse rimorsi dal discorso fatto a Michele e mi è parso che non si preoccupasse molto che il suo nome sprofondasse nella vergogna.
In ogni modo ho trovato che il racconto fosse ben congegnato e ben raccontato. Trattato con molto tatto il problema del prete anche lui uomo (e forse per questo il brano mi è piaciuto ancora di più ) e quindi perso nelle umane debolezze.



recensore:

Recensione o commento # 6, data 01/10/2011
Bella idea e bello lo svolgimento del racconto e bello l'epilogo che è originale e ben immaginato. Tra l'altro tutto il racconto si lascia leggere perchè ha un ritmo quasi musicale con perfino controtempi efficaci quasi come un pezzo di jazz, che se involontari denotano un talento istintivo. Considerando che purtroppo i concorsi come sappiamo tutti hanno limiti di spazio, i protagonisti sono ben delineati ed efficacemente costruiti. Per quanto riguarda i dialoghi purtroppo, la mia recensione risente della mia nascita come teatrante per cui faccio poco testo. Dicevamo, i dialoghi mi sono sembrati molto irreali e appendici del testo descrittivo più che davvero scambio tra i dialoganti. Tornando all'esempio del jazz, troppa dissonanza tra lo strumento descrittivo e il dialogo, come quando ce n'è troppa tra pianoforte e basso, a volte dà  fastidio all'orecchio



recensore:
avatar di Alessandro Napolitano
Alessandro Napolitano
$ sostenitore 2015 (4 dal 2011)

risposta dell'autore, data 01/10/2011
Davvero efficace il parallelo che fai con il Jazz!
Giovanni, grazie per la critica che hai fatto ai dialoghi del racconto. Questi sono sempre una nota dolente ed è difficile migliorarsi. Terrò conto della tua osservazione. Grazie ancora!



recensore:

Recensione o commento # 7, data 20/11/2011
Non posso fare altro che associarmi ai complimenti degli altri recensori, condividendo i loro interventi. Suppongo che il monsignore non si sia suicidato, ma sia stato avvelenato, effettivamente lo svolgimento del fatto è poco chiaro, ma se così fosse vorrebbe dire che a eliminarlo sia stato lo stesso clero e questo episodio trasporta il racconto in un altro genere. Per quanto riguarda i dialoghi convengo con GiovanniG su una costruzione piuttosto stereotipata, ma passano in secondo piano rispetto alla storia che in quanto a contenuto è ben articolata e ottimamente narrata.



recensore:
avatar di Alessandro Napolitano
Alessandro Napolitano
$ sostenitore 2015 (4 dal 2011)

risposta dell'autore, data 23/11/2011
Ciao Mariasele, benvenuta e grazie per la recensione.
Sì, il monsignore è stato assassinato e a ucciderlo è stato il "clero".
O almeno penso che sia andata così.

Grazie ancora.




up - files - recensioni e commenti - opere correlate -
L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Una storia nera di Alessandro Napolitano è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)

up - files - recensioni e commenti - opere correlate -


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(racconto fantascienza, medio)  di nwMonia Di Biagio, nwMassimo Baglione

descrizione: La storia si ambienta nel centenario di Barbie (sì, la bambola :-))

incipit: Antonia è una bambina intelligente. A neanche due anni le insegnarono per gioco le lettere dell'alfabeto e lei, per gioco, le imparò. A quattro sapeva già scrivere. In un solo anno ancora, sapeva ciò che s'insegna normalmente nelle prime due classi di scuola elementare. - Se continua così - diceva il nonno - a sei anni vorrà uscire da sola con la mia macchina! - Non dire scemenze - gli replicava la nonna - è solo più intelligente del

#anniversario(5)    #bambina(84)    #barbie(2)    #computer(16)    #natale(56)    #nonna(8)    #nonni(5)    #nonno(14)    #babbo natale(8)


(racconto narrativa, breve)  di nwMassimo Baglione

descrizione: Una delle mie avventure giovanili

incipit: Quella montagna mi è sempre piaciuta più delle altre che le stanno vicine. Si tengono per mano a formare un cerchio intorno a questa valle verde, tagliata in due parti uguali da un fiume silenzioso e pieno di pericoli. Io abitavo ai piedi di quel gigante di pietra e dal mio letto lo vedevo attraverso la finestra in tutta la sua maestosità. Se...

#bambini(84)    #erba(8)    #fuoco(25)    #incendio(6)    #montagna(27)    #monte(1)    #elicottero(1)


(racconto narrativa, breve)  di nwMassimo Baglione

descrizione: A short lapse of my childhood

incipit: When I was a little boy and I lived at my grandparents' the whole house was warmed up by a wood stove... remember those old stoves with the hot plate made up of concentric discs? My grandfather used to get the woods. He went out with his legendary Renault 6, a car similar to a station wagon but better sprung than a gondola in the Grand Canal...

#aranciata(3)    #fuoco(25)    #goku(1)    #legna(5)    #nonno(14)    #stufa(3)    #bambino(84)


(racconto horror, medio)  di nwGiorgio Burello

descrizione: I bambini hanno fame ...

#automobile(5)    #fame(11)    #ossa(13)    #paura(83)    #torre(3)    #bambini(84)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwBludoor

descrizione: Natale, visto da un punto di vista inconsueto.

incipit: Un vecchio bue muggiva, chiuso nella sua stalla,

#bambino(84)    #freddo(16)    #luce(55)    #bue(2)


(fotografia altro)  di nwJormungaard

incipit: Un caraibico mar d'agosto Questo è lo spettacolo che ogni mattina d'agosto mi si prospetta davanti agli occhi. In questa zona del Salento, Porto Cesareo per la precisione, non si vive la notte come nelle località più rinomate tipo Rimini o Riccione perchè a parte qualche pizzeria o gelateria non c'è ancora granchè (e speriamo rimanga così)e per trovare la prima discoteca devi fare almeno 30km. Dalle 8,00 di mattina alle 8,00 di sera,…

#bambini(84)    #salento(3)    #spiaggia(19)    #vacanza(8)    #mare(152)


(racconto religione, lunghissimo)  di nwForlani Roberta

descrizione: Sono Roberta, mamma di un ragazzino gravemente disabile, protagonista del libro. La storia che lo riguarda tratta della sua malattia sconosciuta e del nostro quotidiano sofferto e tribolato accanto a lui, ma anche di una fede riscoperta e rinnovata.

#amica(17)    #bambino(84)    #dio(49)    #don orione(1)    #fede(12)    #madonna(10)    #ospedale(15)    #preghiera(10)    #speranza(102)    #suore(2)    #amore(569)


descrizione: Copia del dipinto "la Madonna della seggiola" di Raffaello, eseguito con tecnica olio su tela di dimensioni pari all'originale, 75X75

#bambino(84)    #raffaello(1)    #madonna(10)

Elencate 10 relazioni su 591 -
 
10
20
 ... 
600
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.

up - files - recensioni e commenti - opere correlate -




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 18.213.192.104


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2020
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,97 secondi.